StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

Pizzica di San Vito

| 0 commenti

Non c’era da vinì, non c’era da vinì,
non c’era da vinì e so’ vinutu,

so’ li sospiri tua, so’ li sospiri tua,
so’ li sospiri tua, m’hannu chiamatu.

Ah uellì, mu lu vecu ti vinì,
mu lu vecu ti nchianà,
mi ta la manu e si ni va.
Ah uellì, mu lu vecu ti vinì
mu lu vecu ti nchianà,
mi ta la manu e si ni va.

sì chiù bella tu, e sì chiù bella,
e sì chiù bella tu ti na cirasa,

iata all’amori tua, iata all’amori tua,
iata all’amori tua quannu ti vasa.

Ah uellì uellì uellà,
la pacchianella mea
quannu chiamu ata vinì.
Ah uellì uellì uellà,
la pacchianella mea
quannu chiamu ata vinì.

Maranceddha npiettu, na maranceddha
na maranceddha npiettu t’agghia tirari,

la vanna ti lu cori, la vanna ti lu cori,
la vanna ti lu cori t’agghia feriri.

Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n’agghia nnamurà.
Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n’agghia nnamurà.

Ti li capelli tua, ti li capelli,
ti li capelli tua so nnamuratu,
li vecu ti vulà, li vecu ti vulà,
li vecu ti vulà ntallu vientu.

Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.
Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

A dò te pizzicatu,
a dò te pizzicatu,
a dò te pizzicatu la tarantella,
sott’allu giru giru, sott’allu giru giru,
sott’allu giru giru ti la cunnella.

Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n’agghia nnamurà.
Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n’agghia nnamurà.

Quann’anti nima fa, quann’anti nima fa,
quann’anti nima fa nu iavuncellu*,
ni ma chiamà lu cori,
ni ma chiamà lu cori,
ni ma chiamà
lu cori manu manu.

Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.
Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

Ti lu ritornu a dì, ti lu ritornu,
ti lu ritornu a dì pi n’ata fiata,
alla cumpagnia va, a Santu Vitu va,
alla cumpagnia va sta sirinata.

Ah uellì uellì uellà,
n’ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà.
Ah uellì uellì uellà,
n’ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà..

[ad#stornelliLink468x15]

Ecco una traduzione della Pizzica di San Vito

Non dovevo venire, non dovevo venire,
non dovevo venire e son venuto,

sono i tuoi sospiri, sono i tuoi sospiri,
sono i tuoi sospiri,che mi hanno chiamato.

Ah uellì, ora lo vedo venire,
ora lo vedo salire,
mi da la mano e se ne va via.
Ah uellì, ora lo vedo venire,
ora lo vedo salire,
mi da la mano e se ne va via.

Tu sei più bella, tu sei più bella,
tu sei più bella di una ciliegia,

beato il tuo amore, beato il tuo amore,
beato il tuo amore quando ti bacia.

Ah uellì uellì uellà,
quando chiamo la mia ragazza
deve venire.
Ah uellì uellì uellà,
quando chiamo la mia ragazza
deve venire.

Un’arancia nel petto, un’arancia
un’arancia nel petto ti devo tirare,

la parte del cuore, la parte del cuore,
la parte del cuore ti devo ferire.

Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.
Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.

Dei tuoi capelli, dei tuoi capelli,
dei tuoi capelli mi sono innamorato,

li vedo volare, li vedo volare,
li vedo volare nel vento.

Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.
Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.

Dove ti ha pizzicato,dove ti ha pizzicato,
dove ti ha pizzicato la tarantella,

sotto l’orlo, sotto l’orlo,
sotto l’orlo della gonnella.

Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.
Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.

Qui devo fare, qui devo fare,
qui devo fare un posto per sedermi,
ci dobbiamo chiamare il cuore,
ci dobbiamo chiamare il cuore,
e sempre ci dobbiamo chiamare
il cuore.

Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.
Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.

Te lo ritorno a dire, te lo ritorno,
te lo ritorno a dire per un’altra volta,

alla compagnia va, a san Vito va,
alla compagnia va questa serenata.

Ah uellì uellì uellà,
un’altra volta stai bene
e di me non ti scordar.
Ah uellì uellì uellà,
un’altra volta stai bene
e di me non ti scordar.

La pizzica di San Vito dei Normanni presenta una particolarità: si credeva che il tarantato o la tarantata, qualora fosse morso dal ragno in acqua, poteva guarire dalla crisi solo se lo stesso ballo si poteva svolgere in acqua (taranta d’acqua).

San Vito conserva una notevole tradizione di pizzica che, come quella del resto dell’Alto Salento e a differenza di quella leccese, si presenta scevra da riferimenti cristiani[2], in più presenta un repertorio terapeutico-musicale riscontrabile solo in questo comune. Si pensi che negli anni ’50 si potevano contare almeno una trentina di suonatori coinvolti nella cura, di cui una decina costantemente coinvolti nel periodo “epidemico”, mentre altri vi si aggiungevano in caso particolari, o se i tarantati erano particolarmente numerosi.

[ad#facebookMiPiace]
[ad#stornelli468x60]

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA per oltre 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Attualmente in forza al gruppo di musica popolare Salentina Tammurria Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Mi trovate anche su : Google+ by Mauro De Filippis Youtube by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.