StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

Trappitari

Lu trappitu

| 0 commenti

Quantu me lu vantàra
lu trappitu
me lu vantava ci non era statu.

La prima notte ne persi lu sonnu
la sicunna lu sonnu e l’appetitu.
Menzu la nave (1)
‘nc’era n’ommu stisu (2)
de diciassette parmi misuratu.

La mamma li lassau (3)
nu bruttu tipu
ogni menz’ura ‘eggia cotulatu.

E’ un canto di lavoro e e di lamento dei trappitari, gli operai addetti al trappitu, il frantoio.

E’ una delle centinaia di canzoni di cui si ha una registrazione orale , registrate in Salento nel 1954 dall’etnomusicologo americano Alan Lomax, accompagnato da Diego Carpitella.

Traduzione del Testo

Quanto mi hanno parlato ben
del frantoio
ma chi lo faceva non c’era mai stato.

La prima notte perdetti il sonno
la seconda il sonno e l’appetito.

Al centro
c’era un uomo steso.
lungo circa quattro metri

La sua mamma aveva lasciato
il compito seccante
di ninnarlo almeno ogni mezz’ora.

Note

(1) Nave indica il frantoio. Sono molti i termini che hanno attinenza con la marineria specie nel mondo dei trappiti.

I tradizionali frantoi salentini erano prevalentemente ipogei, scavati nel tufo, nella pietra leccese o nel carparo. Questa soluzione era preferita ad altre perché ritenuta più funzionale alla conservazione del prodotto, ma anche per ragioni di natura economica. Il costo della manodopera necessaria per scavare un frantoio, infatti, era inferiore a quello che avrebbe comportato l’ingaggio di muratori esperti. Di solito, i lavoratori addetti al trappeto (“ṭrappitari” o “ṭrappitanti”) erano almeno 5, guidati da un capo (“nachiru”) che dirigeva i lavori, stabiliva gli orari, disponeva i turni di riposo.

Nel periodo di attività, il trappeto rappresentava tutto per coloro che vi erano impegnati: il luogo di lavoro, la casa, la famiglia. Questi uomini si recavano nelle loro dimore solo per la festa dell’Immacolata, per Natale e per Capodanno. Il lavoro era durissimo e si protraeva dalle 2 di notte alle 6 di sera. Per questi motivi il trappeto veniva considerato “chiesa”, ma anche inferno . [www.dialettosalentino.it]

Trappitari

Trappitari

(2) Il palo usato per il torchio viene paragonato a un uomo disteso
(3) L’uomo disteso è inteso come un bambino la cui mamma, deve cullare ogni mezz’ora. “mamma” potrebbe anche indicare il padrone

 

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA per oltre 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Attualmente in forza al gruppo di musica popolare Salentina Tammurria Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Mi trovate anche su : Google+ by Mauro De Filippis Youtube by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.