StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

Lu Lapazzu e la Paparina

| 0 commenti

In molte delle pizziche cantate nelle ronde si sente spesso la frase

“Nazzu nazzu nazzu la paparina cu lu lapazzu
ca senza lu lapazzu la paparina ci me lu fazzu”

che grossolanamente vuol dire

Nazzu nazzu nazzu la paparina con il  lapazzu
senza lapazzu cosa me ne faccio della paparina

oppure ancora

“la mamma la cucina lu lapazzu e la paparina

abbastanza comprensibile.

La paparina è uno degli ingredienti base della “cucina povera” che venivano impiegati dagli antichi braccianti nella preparazione di pietanze invece di essere destinati allo scarto.

PaparinaE’ una pianta spontanea conosciuta meglio come Papavero rosolaccio: quando la pianta è ancora poco sviluppata ed è lontana dalla fioritura, il cespo di foglie che si sviluppa attorno alla radice, all’inizio della primavera, può essere raccolto e consumato lessato o saltato in pentola come verdura nota appunto con il nome paparina.

Preparata sostanzialmente in due modi, ‘nfucata (stufata)  e ‘a fritta (soffritta) è uno dei piatti identitari del salento.

Si tratta di un piatto poverissimo, privo di grandi capacità nutritive spesso usato anche per farcire ‘mpille e pucce (tipi di pane molto lievitato che si cuoceva alla fiamma alta e si consumava freschissimo) o per accompagnare, quando possibile piatti di selvaggina.

Paparina, piatto povero del Salento

Proprio per la sua “povertà”  questa “verdura” ha buona consistenza ma non sa di nulla per questo si abbina sempre ad un’altra erba che in dialetto si chiama “lapazzu” leggermente acidula.

lapazioLapazzu è il nome in dialetto del Lapazio, una sorta di “bietola” selvatica che, come la paparina, cresce naturalmente spesso lungo i bordi delle strade e nei luoghi incolti e che serve ad addolcire, nella cottura, il gusto agreste della “paparina”.

Da questo accostamento nascono i detti cantati negli stornelli : “cosa me ne faccio della paparina senza il lapazio?“.

Fonti

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, lavoro nel campo dell'IT fornendo fornendo consulenza informatica, realizzando applicazioni web based, applicazioni gestionali, siti Internet. Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA da quasi 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Google+ by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.