StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

Aggiu saputu ca faci visetu

| 0 commenti

Aggiu saputu ca faci visetu
io’ s’era festa non venìa
aggiu saputu ca scetti lacrime
ieu vinni f’ffazzu la parte mia.

Aggiu saputu ca faci visetu
io’ s’era festa non venìa
aggiu saputu ca scetti lacrime
ieu vinni f’ffazzu la parte mia.

Dove visciu fare viseti
pare ca sentu na chitarra
dove visciu scettare lacrime
a mie me dole lu core e l’arma.

E ci ndae na mamma a perdere
e vi’ ce li cumbène a fare
vae sartàndu pe’ le fòscule
e pe’ le vie e pe’ le carrare
sempre dicendu mamma carissima
ca tutta china de grazie care
e le grazie ci àvia mammama
ca non se basta’ a cuntare.

Luce luce la conta decima
e luce luce mmenzu ‘lla via
e cusì luceva mammama
ma quandu a casa me venia.

 

Luce luce la conta decima
e luce luce mmenzu ‘lla strada
e cusì luceva mammama
quandu me scia mmissa cantata.

Ddhu lu minti ‘stu focu, fijama?
ca mintitèlualla mantèla
ddhai s’azzau na lampa
a làmpere e brùscia tutta la parentèla
ddhu lu minti stu focu, fijama?
ca mintitèlu alla cintura
ddhai s’azzau na lampa
a lampare
ca fija mia te bbrusci sula.

Issimèlu dittu, màmmama,
ca vi’ a ce tiempu me poi tornare.
Ca te l’aggiu dittu, fìjama
de nuddhu tiempu no mme spettare:
quandu caccia masciscia l’Alimini**,
quandu se simmena lu mare,
vii ‘sta cosa se pot’essere,
mancu ‘sta cosa
se pote fare.

Si tratta di un canto cantato che veniva cantato in presenza di un morto da donne che venivano pagate per eseguire lamenti funebri.

Erano le cosiddette “prefiche” o “repute”  conosciute anche come “chiangimorti”, ovvero “donne che piangono i morti”. Erano solitamente vestite con abiti scuri e con un velo nero sul viso che prendevano parte ai riti funerari per piangere la dipartita del defunto.

La conduttrice del gruppo di chiangimorti era detta la caporeputo ed aveva il compito di eseguire il canto mentre le altre donne erano addette esclusivamente al pianto.

Il significato del brano è il seguente:

Ho saputo che fai “visita al defunto”
se fosse festa certo non verrei
ho saputo che piangi
io son venuta a fare la mia parte.
Dove vedo fare viseti
sembra che senta una chitarra
dove vedo gettare lacrime
a me duole il cuore e l’anima.
Chi perde una mamma
ecco cosa gli conviene fare:
vada saltando per luoghi bui
per le vie e per le carreggiate
dicendo sempre: mamma carissima
tutta piena di grazie care.
E le grazie che aveva mia madre
certo non basta il raccontarle.
Luce luce la luna piena
e luce luce in mezzo alla via
così splendeva mia madre
quando veniva a casa mia.

Luce luce la luna piena
e luce luce in mezzo alla strada
così splendeva mia madre
quando andava a messa cantata.
Dove metti questo fuoco, figlia mia?
Mettitelo nel grembiule
perché da lì s’alzò una fiamma
a bruciare
che brucia tutta la parentela
dove lo metti questo fuoco, figlia mia?
Mettitelo in torno alla vita
perché da lì s’alzò una fiamma
a bruciare
e figlia mia, ora tu bruci da sola.
Avresti potuto dirmelo, mamma;
ora vedi quando puoi ritornare.
Te l’ho detto, figlia mia
non aspettarmi mai:
quando Alimini si copre di maggese
quando si semina il mare
ora vedi se ciò può mai essere
e neppure quello che mi hai chiesto
sarà mai.


Una registrazione di questo brano si trova in Musiche e Canti popolari del salento vol.2, un lavoro di Brizio Montinaro.

La voce è di Assunta De Matteis.

 

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA per oltre 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Attualmente in forza al gruppo di musica popolare Salentina Tammurria Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Mi trovate anche su : Google+ by Mauro De Filippis Youtube by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.