StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

Beddhra ci dormi

| 0 commenti

Beddhra ci dormi su u matarazzu
E ieu qua fore e ieu qua fore.

Beddhra ci dormi su u matarazzu
E ieu qua fore fazzu lu  pazzu.

Beddhra ci dormi su u matarazzu
E ieu qua fore e ieu qua fore.
Beddhra ci dormi su u matarazzu
E ieu qua fore fazzu lu  pazzu.
Fazzu lu pazzu e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.
Fazzu lu pazzu e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.

Beddhra ci dormi ‘nthra li lanzuli
E ieu ‘cqua fore e ieu ‘cqua fore.
Beddhra ci dormi ‘nthra li lanzuli
E ieu ‘cqua fore minu suduri.
Minu suduri e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.
Minu suduri e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.

Beddhra ci dormi ‘nthra ‘lli cuscini
E ieu qua fore e ieu ‘cqua fore.
Beddhra ci dormi ‘nthra ‘lli cuscini
E ieu qua fore minu suspiri.
Minu suspiri e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.
Minu suspiri e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.

Beddhra ci dormi sutta a cuperta
e ieu ‘cqua fore e ieu ‘cqua fore.
Beddhra ci dormi sutta a cuperta
e ieu ‘cqua fore la ucca ‘perta.
La ucca ‘perta e me sentu murire:
azzate beddhra e famme trasire.
La ucca ‘perta e me sentu murire:
azzate beddhra e famme trasire.

Beddhra ci dormi intra ‘lla ‘mmace
E ieu qua fore e ieu ‘cqua fore.
Beddhra ci dormi intra ‘lla ‘mmace
E ieu qua fore no’ me dau pace.
No’ me dau pace e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.
No’ me dau pace e me sentu murire
Azzate beddhra e famme trasire.

Si tratta di una serenata che l’innamorato canta alla sua amata. Viene spesso usata appunto nelle serenate il giorno prima di un matrimonio.

La traduzione letterale è la seguente :

Bella che dormi sul materasso
e io qui fuori e io qui fuori.
Bella che dormi sul materasso
e io qui fuori faccio il pazzo.
Faccio il pazzo e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Faccio il pazzo e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Bella che dormi sulle lenzuola
e io qui fuori e io qui fuori.
Bella che dormi sul materasso
e io qui fuori sudo.
Sudo e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Sudo e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Bella che dormi sui cuscini
e io qui fuori e io qui fuori.
Bella che dormi sui cuscini
e io qui fuori sospiro.
Sospiro e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Sospiro e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Bella che dormi sotto alla coperta
e io qui fuori e io qui fuori.
Bella che dormi sotto alla coperta
e io qui fuori con la bocca aperta.
Con la bocca aperta e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Con la bocca aperta e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Bella che dormi tra la bambacia
e io qui fuori e io qui fuori.
Bella che dormi tra la bambacia
e io qui fuori non mi do pace.
Non mi do pace e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Non mi do pace e mi sento morire
alzati bella e fammi entrare.
Di seguito alcune versioni acquistabili su Amazon :

Di seguito l’interpretazione nella Notte Della Taranta 2015 di Luciano Ligabue e Alessia Tondo

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA per oltre 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Attualmente in forza al gruppo di musica popolare Salentina Tammurria Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Mi trovate anche su : Google+ by Mauro De Filippis Youtube by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.