StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

E lu sule calau

| 0 commenti

E lu sule calau calau
E lu sule calau calau

E lu sule calau calau calati
mena patrunu ca me ne vau.

E lu sule calau calau


E lu sule calau calau
E lu sule calau calau
E lu sule calau calau calati
mena patrunu ca me ne vau.

E ci nu me ne porti
E ci nu me ne porti
E ci nu me ne porti
me settu’ an’terra e fazzu carotti.

E li fazzu funni e larghi
E li fazzu funni e larghi
E li fazzu funni e larghi
quannu passi cu ste stampagni.

E li fazzu larghi e funni
E li fazzu larghi e funni
E li fazzu larghi e funni
quannu passi cu te scunfunni.

E’ arrivata a curnacchiola
E’ arrivata a curnacchiola
E’ arrivata a cumacchiola
dice ca è ora, dice ca è ora.

S’ampuggiata allu paijaru
S’ampuggiata allu paijaru
S’ampuggiata allu paijaru
Dice ca è ora cu ne sciamu.

E lu sule calau li munti
E lu sule calau li munti
E lu sule calau li munti
mena patrunu facimu li cunti.

E lu sule calau li risi
E lu sule calau li risi
E lu sule calau li risi
mena patrunu tamme turnisi.

E lu sule calau le tende
E lu sule calau le tende
E lu sule calau le tende
Allu patrunu lu muccu li pende.

E ci te pende a fare
E ci te pende a fare
E ci te pende a fare
pe ddri to sordi ca na dare.

E il sole tramontò


E il sole calò calò (tramontò)
E il sole calò calò
E il sole calò calò
sbrigati padrone che io me ne vado.

E se via non mi porti
E se via non mi porti
E se via non mi porti
mi siedo a terra e scavo buche.

E li scavo profondi e larghi
E li scavo profondi e larghi
E li scavo profondi e larghi
affinchè quando passi cadi rovinosamente.

E li faccio larghi e profondi
E li faccio larghi e profondi
E li faccio larghi e profondi
affinchè quando passi cadi in fondo.

E’ arrivata la cornacchia
E’ arrivata la cornacchia
E’ arrivata la cornacchia
segno che è tardi.

S’è appollaiata sul pagliaio
S’è appollaiata sul pagliaio
S’è appollaiata sul pagliaio
segno che è ora di andare via.

E il sole calò (dietro) i monti
E il sole calò (dietro) i monti
E il sole calò (dietro) i monti
sbrigati padrone facciamo i conti.

E il sole calò i raggi
E il sole calò i raggi
E il sole calò i raggi
sbrigati padrone dammi i soldi.

E il sole calò le tende
E il sole calò le tende
E il sole calò le tende
al padrone il mocco gli pende.

E che li pende a fare
E che li pende a fare
E che li pende a fare
per quei due soli che ci deve dare.

 

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA per oltre 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Attualmente in forza al gruppo di musica popolare Salentina Tammurria Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Mi trovate anche su : Google+ by Mauro De Filippis Youtube by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.