StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

La strina

| 0 commenti

La Strina è uno dei canti religiosi-pagani e di questua più complessi e completi che si riconosca nel Salento e nella Grecìa salentina
E’ un Canto griko che accompagna la nascita del nuovo anno. E’ particolarmente importante nell’ambito delle tradizioni popolari legate alle festività natalizie. Intere compagnie di musici con tamburelli, organetti, sonagliere, colasciuni (un antico strumento locale a corde ormai scomparso) e cupa cupa, si spostavano durante le feste di Natale e Capodanno, fino all’epifania, da un casolare all’altro, di masseria in masseria, a portare la notizia della nascita di Cristo ed anche per avere qualche provvista in cambio.

Fèrmate amici miei non sciati ‘nnanti
ca quai se fermane puru li venti
ca quai se fermane li soni e canti
ca pene non ci stannu nè lamenti.

A quai io su ‘rrivatu a quai me fermu
‘rretu le porte de ste case toe
insieme agli strumenti noi cantiamo
e qualche verso a vostra signoria.

E’ natu Gesù Cristu Redentore
lu mundu s’ha cambiatu ogni momentu
ca ‘ppena dese la benedizione
e fice scumparire ogni lamentu.

D’ogni puntu partira li re Magi
ca ‘ntisera ca è natu lu Messia
ci scia a piedi e ci cu li cavalli
tutti cantandu sciane ‘n allegria.

Era lu Spirdu Santu che li guidava
cu quellu segnu li mosciau le vie
e tutti quella stella secutata
d’avanti na grande luce li facia.

Quandu ‘lla grutticella su ‘rrivati
trovara Gesù Cristu cu Maria
la vaccarella ci sta lu fiatava
e Gesù Cristo a tutti benedia.

Ca l’angeli de cielu su calati
tuttu lu mundu misera in allegria
e puru l’animalucci l’ha chiamati
cu stannu allu sou fiancu a compagnia.

Puru la pecurella vose scirecu
biscia Gesù Cristu comu stia
lu pastorellu ci la secutava
sonandu lu fischettu se ne scia.

A ‘mmenzzu ‘ste campagne ci sta sciamu
caminandu de notte e de dia
benedicu lu granu seminatu:
no te lu cape chiui la casa toa.

No me ‘nde vau de quai mancu se chiove
mancu se fa na forte scelatura
ca nu te pò mancare na cucchia d’ove
o puramente na bianca cuddhura.

Belle ca su ‘ste case fabbricate
belle le porte che voi vi chiudete
bellu lu liettu ci dormendu state
azzatevi nu pocu cu sentete.

Cumpatisci comu nui cantamu
ca stracchi sciamu de ‘sta lunga via
e datici na cosa ‘nni ‘ssuppamu
mo manca gnenti a vostra signoria.

E l’addha parte poi cu te vantamu
te lu rricalu ca t’ha ‘mmortalatu
prestu danni quiddhu ca n’hai dare
ca face friddu e tocca nni nde sciamu

 

Quest’altra versione invece si mescola con il griko.

Fèrmati amici mei nu’ sciati a ‘nnanti
ca quai se fèrmane puru li venti
ca quai se fèrmane li soni e canti
ca pene nun ci stanno e nè lamenti.Arte p’ôttasa ettù sti mmassaria
ivloò ti stràa ce to limbitari,
ivloò ti mmana ce ta pedìa
apoi to ciuri p’ône o generali.

Ivloò to topo p’ôkame sitari:
triakoscia tumena ce tria na kami;
motti isi kampagna pai kalà,
ce o stesso patruna s’agapà.

Bon Capudannu, qui si fa la strina
comu la fice Santu Silivestru,
ka li Re Maggi l’hannu fatta ‘mprima,
nci l’hannu ndutta a stu mundu ‘niversu.

Fermatevi amici miei, non andate avanti,
qui si fermano anche i venti
qui si fermano suoni e canti
che non ci sono pene né lamenti.Ora che sono arrivato qui alla masseria
benedico la strada e la soglia
benedico la madre e i figli
e poi il padre che è il capofamiglia.

Benedico il posto che ha prodotto grano,
che ne produca trecento e tre tomoli;
quando quella campagna va bene
anche il padrone ti ama.

Buon Capodanno qui si fa la strenna,
come la fece San Silvestro,
i Re Magi l’anno fatta per primi
e l’anno introdotta in questo mondo.

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, lavoro nel campo dell'IT fornendo fornendo consulenza informatica, realizzando applicazioni web based, applicazioni gestionali, siti Internet. Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA da quasi 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Google+ by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.