StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

Sta Strada

| 0 commenti

Sta strata la vulia de mattunare
de rose e fiuri la vulia cuprire

sula la socra mia facia passare
ca m’ha crisciutu a ttie fiuru d’amore

Sula se lu gudia lu passeggiare
sula se lu gudia tuttu st’andore

La strata de Martanu fumuliscia
ca addhai me tira lu core cu bau

Come aggiu fare pe videre a ttie
de municeddhu me vulia vestire

Alle toi porte poi venia a tozzare
mi dài ‘na cosa allu tou municeddhu

Monecu le sbaiasti le carrare
quista nun è la via de lu cumentu

Abbande moniceddhu abbande ‘n pace
ca la figlia mia malata la tegnu

Se stae malata la fai cunfessare
cu bessu ieu lu patre cunfessore

Na grande penitenza l’aggiu dare
cu nu se scerra de lu primu amore.

Si tratta di uno dei tantissimi canti d’amore presenti nella tradizione salentina. In questo brano a differenza degli altri si tessono le lodi della propria donna come ovvio ma in primo luogo si ringrazia la madre dell’amata per averla “cresciuta” e fatta fiorire.

Il canto infatti inizia descrivendo la volontà da parte dell’uomo di voler coprire di rose e fiori la strada per permettere solo alla propria suocera di passeggiarci ed assaporarne la bellezza e il profumo.

Nella seconda parte si riprende un tema abbastanza usato in altri canti e cioè quello dell’uomo che si finge monaco per poter avvicinare indisturbato la donna amata.

Vorrei ripcoprire questa strada di rose e fiori e di rose e fiori  // Farei passare solo mia suocera (tua madre)  perché ha cresciuto te fiore d’amore // Lei sola potrebbe godersi  il passeggiare e tutto il profumo // La strada di Martano è polverosa ma lì il cuore mi spinge ad andare // Come devo fare per poterti vederti, mi vestirò da monaco // Verrò a bussare alle tue porte chiedendoti qualcosa per il monaco // Monaco hai sbagliato strada, questa non è la via del convento // Vai via monaco, vai via in pace perché mia figlia è malata // Se è malata si deve confessare, che sia io il suo confessore // Devo darle una grande penitenza, che non si scordi il primo amore.

Una variazione del tema principale è la seguente :

Sta strada la vulìa de mattunare
de rose e fiuri la vulìa cuprire
sulu la socra mia facìa passare
ca m’hae crisciutu a tie fiuru d’amore

dopu me l’ha cresciutu e me l’ha datu
la socra mia all’inferno ncatenata
sula se lu gudìa lu passeggiare
sula se lu gudìa tutta st’andore

 

Il brano è presente in due CD di altrettanti gruppi tra i più “vecchi” ed importanti del panorama musicale salentino : Sud Est degli Aramirè e Pizzica Indiavolata del Canzoniere Grecanico Salentino.

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA per oltre 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Attualmente in forza al gruppo di musica popolare Salentina Tammurria Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Mi trovate anche su : Google+ by Mauro De Filippis Youtube by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.