StornelliSalentini.com

..dalla tradizione del salento

Il cacciator del bosco

| 0 commenti

Il cacciator del bosco
mentre alla caccia andava
trovò una pastorella graziosa e bella
che il cacciatore s’innamorò.

La prese per le mani
e la portò a sedere
dal gusto da piacere e dal godere
la pastorella s’addormentò.

Mente quella dormiva
il cacciatore vegliava,
pregava gli uccelletti che non cantassero
perchè la bella potesse dormir.

Quando la bella fu svegliata
il cacciatore non c’era
vile d’un traditore , d’un malfattore
anche nel sonno mi vieni a tradir.

Non sono un traditore,
nemmeno un malfattore,
son figlio d’un signore,
d’un gran signore
io te lo giurò ti sposerò

Questo è uno di quei brani, non propriemante salentini.

Molto diffusa nell’Italia centro-settentrionale,riporta il tema della pastorella sedotta da un cavaliere, che ebbe notevole popolarità fin dal XII secolo. In questo caso la figura del cavaliere è sostituita da quella di un cacciatore. Si vede già che questo non è un tema solito per i nostri canti.

In realtà molti di questi canti sono stati portati nel salento  nei periodi di guerra quando, soldati provenienti da tutte le parti d’Italia sin incotravano e si scambiavano avventure, racconti, canti.

Il cacciator del bosco è uno di questi.
Questo è un brano abbastanza conosciuto, ma non è molto riproposto.

{play}images/audio/IlCacciatorDelBosco.mp3{/play}

Autore: Mauro De Filippis

Laureato in Ingegneria Informatica nel 2008 presso l’ Università del Salento, Appassionato di Musica e di Musica Popolare, sono tra i fondatori del Gruppo Musicale e vicepresidente dell'Associazione Culturale AriaFriscA per oltre 15 anni impegnata nella rielaborazione e riproposizione della tradizione musicale Salentina. Studio Fisarmonica, adoro strimpellare gli strumenti della tradizione Celtica quali Thin e Low Whistle. Attualmente in forza al gruppo di musica popolare Salentina Tammurria Per contattarmi potete usare la mail info_AT_ stornellisalentini.com Mi trovate anche su : Google+ by Mauro De Filippis Youtube by Mauro De Filippis

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.